Antonio Sobrio

ed470619-7ac2-48d8-99d4-9f19ab0866fdNome scrittore: Antonio Sobrio
Anno di nascita: 13 gennaio 1977
Bio: Antonio Sobrio, educatore, scrittore per passione, nasce a Procida, una piccola isola in provincia di Napoli, il 13 gennaio del 1977, dove tuttora risiede, dopo varie esperienze lavorative come educatore tra Napoli, Roma ed altre località della Campania e del Lazio. Attualmente risiede a Procida dove collabora con l’associazione M.a.i.a., portando avanti varie iniziative tra cui un mercatino dell’usato ed attività didattiche ed educative con adolescenti. Progetti per il futuro promuovere “Il mistero di venerdì santo” e dedicarsi agli altri tanti progetti letterari in cantiere, tra cui un romanzo ironico, un romanzo di narrativa ed un altro thriller, tutti in fase di elaborazione e scrittura.
Links: https://www.facebook.com/Antonio-Sobrio-386324191398554/
https://www.facebook.com/Il-mistero-di-venerd%C3%AC-santo-1529281260659696/
https://twitter.com/antonio_sobrio

INTERVISTA:

– Raccontaci dei tuoi libri…
“Ho già pubblicato una raccolta di poesie nella collana “Orizzonti 6” – Libroitaliano – e quattro romanzi auto prodotti, “Il governo terrestre”, “Come Michael Jackson?”, “Aspirante messia” e “Salvare il pianeta o contribuire a distruggerlo?” con Il Mio Libro. Più recenti sono la partecipazione alla raccolta di racconti “Procida Blues” edita da “Il Denaro” con il racconto “Civico 4”, la cura del libro “Maria, storia di una donna procidana” Edizioni Fioranna e la pubblicazione gratuita, on line, su facebook, dei romanzi “Il segreto dell’aldilà” e “La chiusura del cerchio”.”

– Dove trovi l’ispirazione per una storia?
“L’ispirazione la trovo dalla vita di tutti i giorni, da quello che mi capita ma soprattutto da quello che accade nel mondo, in modo particolare per quanto riguarda ingiustizie e storture della società umana.”

– Quando hai iniziato a scrivere? Raccontaci la tua storia…
“Ho iniziato alle scuole medie, scrivendo testi per canzoni. Solo verso i 18 anni ho iniziato a scrivere prima poesie e poi elaborati più lunghi. Da allora, pur se a fasi alterne, non mi sono più fermato. Oggi per me scrivere rappresenta un esercizio quotidiano e quando non ci riesco, preso da altri impegni, ho quasi la sensazione di aver sprecato la giornata.”

– Cosa ti ha spinto a scegliere il tuo genere letterario?
“In realtà spazio tra vari generi letterari, dal romanzo, al thriller, al testo ironico, al saggio. L’importante è riuscire a veicolare delle idee. Non mi piace scrivere testi fini a se stessi.”

– I tuoi generi letterali preferiti…
“La narrativa, il romanzo classico, ma anche thriller, biografie e testi ironici.”

– Quanti libri/ebook leggi in media l’anno?
“Dipende dai periodi, credo una cinquantina in media.”

– La fantasia influenza i tuoi scritti oppure usi un metodo di scrittura razionale?
“Credo che la fantasia sia fondamentale per uno scrittore, anche per descrivere la realtà. Non sempre il metodo razionale è il migliore per trasmettere quello che si intende al lettore.”

bookoria

Bookoria è un sito/progetto fondato dall’associazione Iside Onlus Messina (promozione arte & cultura).