Auspici di buone letture

Scorre la penna

sul foglio dorato,

canta melodiche parole

bagnate d’arcobaleno.

Intinta di cielo e sole

riempie pagine

di sogni e avventure.

Amica di mille vicende,

tu danzi nelle mie mani…

(“La mia penna” dalla raccolta “Clessidre Notturne”)

Ok, Cercatori, non sono impazzita! Ma se una volta era solita l’ “invocazione alle Muse” prima di uno scritto, mi è sembrato opportuno cominciare oggi la nostra rubrica con una sorta di “buon auspicio”, chiamiamolo così… Per l’occasione una mia piccola (e modestissima) poesia mi è parsa congeniale. E, come lettori, non possiamo che sperare che la penna dei nostri scrittori sia stata ispirata e produttiva, in modo che le mie scelte possano essere per voi vere appassionanti avventure…

Ma cominciamo…

Fantasy

51ihgdzqm5l“Antiche voci da Salem” di Adriana Mather

La storia si ripete? Questa non è una semplice domanda per la protagonista del fantasy di oggi, ma sembra essere più una certezza, poiché su Salem grava l’oscurità di antichi segreti e di tragiche colpe… Situazioni che trascendono il passato per riversarsi terribilmente nel presente. Riuscirà Samantha a “rompere il cerchio” e sanare atavici odi? Lo si scoprirà solo leggendo…

Salem, ai giorni nostri: quando Samantha Mather si trasferisce nell’antica casa avita per stare vicina al padre, ricoverato perché misteriosamente in coma, trova in città un’accoglienza piuttosto fredda. Sono passati ormai tre secoli da quando il suo antenato Cotton Mather è stato protagonista del processo alle streghe, firmando il trattato usato a fondamento delle condanne, ma i rancori che allora avevano spaccato la comunità sono ancora terribilmente vivi. Isolata e avvolta dall’ostilità gelida degli Eredi delle presunte streghe, Samantha si trova intrappolata in un complicato groviglio in cui passato e presente si intrecciano pericolosamente. Soltanto Jaxon, figlio della migliore amica del padre e segretamente attratto dalla ragazza, sembra immune a quell’odio, almeno finché Samantha non entra in contatto con l’affascinante Elijah, uno spirito tragicamente coinvolto nelle antiche vicende storiche, e le cose si complicano. Samantha scopre un modello ricorrente nei secoli, in base al quale le famiglie dei perseguitati e dei persecutori pagano un terribile tributo di morti. C’è solo una speranza per evitare che la storia si ripeta: svelare i segreti del passato fra odi antichi e passioni, e rinunciare a qualcosa di sé per aprirsi a un sentimento nuovo.

Fantascienza

51gg20aosml“Eden” di Andrea Beltramo

Un mistero circonda una missione della Nasa, una missione che qualcuno vuole tenere nascosta. Sono pochi gli indizi che avrà la giornalista per conoscere la verità, ma ciò che le è stato detto è sufficiente ad attirare anche la nostra curiosità… Chissà cosa nasconde la sonda Pioneer 10 e che cosa ne è stato di essa e dei suoi misteriosi piloti…

Kayla Anderson, una giornalista del Sun Sentinel di Miami, dopo aver ricevuto una misteriosa email decide di incontrare lo scienziato della NASA Richard Denver, che le fa delle dichiarazioni sconcertanti prima di essere assassinato davanti ai suoi occhi.

<< Non si spaventi per quello che sto per comunicarle. – Le aveva detto qualche minuto prima. – Tra il mese di marzo del ’72 e l’aprile del ’73 la NASA lanciò nello spazio due sonde chiamate rispettivamente Pioneer 10 e Pioneer 11. Il progetto era finalizzato, oltre che all’esplorazione del sistema solare, a portare a conoscenza di un’eventuale civiltà aliena l’esistenza del nostro pianeta.

La Pioneer 11 concluse la sua missione nel settembre del 1995. La Pioneer 10 invece, secondo le notizie ufficiali, lanciò il suo ultimo debolissimo segnale nel gennaio del 2003 da una distanza pari ad oltre il doppio di quella fra il Sole e Plutone, per poi perdere ogni contatto con la terra.

Perdoni la piccola lezione, ma è necessaria per farle comprendere quello che sto per rivelarle…

… La Pioneer 10 trasportava esseri umani. Un uomo e una donna!

Se vuole sapere il resto venga questa sera alle 19:00 al 1475 di Garden Street di Titusville.

La prego, non parli non nessuno e sia puntuale.>>

Horror

51pwilpqivl-_sx355_bo1204203200_“L’ora del diavolo” di Alessio Del Debbio

Una raccolta di racconti che si propone di raccogliere e rielaborare le leggende lucchesi cha trattano del demonio tentatore, mezzo evocato da esseri umani bramosi di qualcosa… Un modo per rivedere lo scontro tra Bene e Male nella tradizione dei racconti del passato, racconti magari fatti prima al calore del fuoco di un camino ed ora esposti su carta per i brividi del grande pubblico…

L’ora del diavolo è un’antologia di racconti fantastici ispirati a leggende e tradizioni lucchesi, rielaborate in forma romanzesca. Tredici storie, tredici strade che ci portano dritti nelle tenebre, nei luoghi oscuri e misteriosi delle Alpi Apuane, in Versilia e nella Piana di Lucca. Leggende e antiche credenze sono amalgamate in racconti dalle sfumature inquietanti e fantastiche, con magia e speranza che si intrecciano facendo luce sugli aspetti più crudi della natura umana. Il diavolo si insinua nelle vite degli uomini, li tenta e li inganna: ma da sempre è l’uomo stesso a invocarne la presenza per godere di favori altrimenti inappagati e impossibili da soddisfare. L’ora del diavolo rielabora l’eterna lotta tra il Bene e il Male: bontà e forza di volontà contrapposte e furbizia e malvagità. Numerose le leggende locali utilizzate nella creazione dei racconti, incentrati o legati alla figura del diavolo, come corruttore di anime, mercante di sogni, sobillatore e firmatario di patti che impegnano gli uomini in cambio di qualche servizio reso loro dal maligno. Qualche esempio? La storia di Lucida Mansi, della Busdraga di Camaiore, l’edificazione del Ponte del Diavolo (a Borgo a Mozzano), le figure degli streghi e dei Serpenti Volastri, della Serpe Regola, dell’Omo Selvatico, il gigante del Monte Freddone, le fate di pioggia, le sirene, il linchetto, i buffardelli, l’ombra di fumo e via dicendo.

Cosa ne pensate delle scelte di oggi? Beh, le premesse sono buone! Speriamo che l’invocazione alla penna degli scrittori abbia funzionato… 😉 Chissà!

Alla prossima, Cercatori di Parole!

M.S.Bruno