La quinta onda: Rick Yancey VS J. Blakeson.

Il libro

Titolo originale: The 5th Wave

Titolo italiano: La quinta onda

Autore: Rick Yancey

Edizione: Mondadori

Pagine: 504

Anno: 2013-14

Il film

Titolo originale: The 5th Wave

Titolo italiano: La quinta onda

Regia di: J. Blakeson

Protagonisti: Chloë Grace Moretz, Liev Schreiber,Maika Monroe, Nick Robinson, Maria Bello,Maggie Siff, Ron Livingston, Marc John Jefferies, Tony Revolori, Terry Serpico.

Durata: 112 min.

Anno: 2015

TramaLa Quinta Onda, racconta delle quattro ondate di attacchi alieni che hanno decimato la popolazione sulla Terra. In uno scenario dominato dalla paura e dall’angoscia, l’adolescente Cassie (Chloë Grace Moretz) cerca disperatamente di salvare il fratellino Sammy. Mentre si prepara all’inevitabile e letale quinta ondata, Cassie incontra un giovane misterioso che potrebbe rivelarsi la sua unica speranza. La giovane eroina potrà però fidarsi ed accettare il suo aiuto?

Nel romanzo “La quinta onda” troviamo più POV, tra cui Cassie – la protagonista – che racconta come, dopo la morte della madre e del padre, tenta in tutti i modi di salvare il fratellino, che è stato “deportato” in un campo di addestramento dalle “dubbie motivazioni” per il salvataggio della Terra dalla minaccia degli alieni. Nel film in una mezz’ora circa viene narrato quasi 1/3 del romanzo e aggiungerei in modo abbastanza fedele.
Il romanzo è scritto molto bene grazie al suo ritmo incalzante e diretto; il film per me è da dividere a metà: la prima metà ti prende e ti porta accanto a Cassie nella sua corsa per la sopravvivenza sua e del fratello minore, mentre da metà verso la fine del film l’ho trovato un po’ troppo veloce, forse perchè c’erano molte cose da narrare del libro.
“La quinta onda Movie” non mi è dispiaciuto, anche se la somiglianza con il romanzo è rimasta solamente al 50%: fino a metà film è fedelissimo al romanzo, mentre da metà in poi credo siano state apportate delle modifiche per semplicità di narrazione, ma così facendo hanno reso il film molto meno complesso e catastrofico come invece il romanzo è stato in grado di essere.
Il film non è un kolossal, anzi in molti punti sfiora la banalità di altri film post-apocalittici già visti, ma la storia raccontata dallo scrittore Yancey è valida. Non ho mai amato le storie che narrano la fine del mondo per mano degli alieni, ma questo romanzo è l’eccezione che conferma la regola.