Luca Cozzi

Nome scrittore: Luca Cozzi
Anno di nascita: 1967
Bio: Luca Cozzi, classe 1967, è nato a Genova dove ha vissuto fino a sette anni fa quando si è trasferito nella splendida campagna ricca di vigneti del basso Piemonte, vicino a Gavi dove vive attualmente.
Docente di Scrittura creativa presso l’UniTRE di Arquata Scrivia (AL), ha un blog (lucacozziblog.wordpress.com) di attualità, letteratura, arte e cinema, insignito per due anni consecutivi del premio “Liebster Award” e collabora con alcune testate giornalistiche locali.
Nel 1999 ha partecipato al 6° Premio Europeo di Letteratura con un racconto breve (La leggenda di Goccia di Luna) che la giuria “ha ritenuto particolarmente meritevole ed originale”.
Nel 2016 ha pubblicato il racconto “L’alpino che giocava ai dadi”, una raccolta di racconti dal titolo “Tre racconti e una leggenda” e il suo primo romanzo, “Senza nome e senza gloria”, pubblicato da Edizioni della Goccia e arrivato terzo al XVI Festival del Libro Possibile di Polignano a Mare. “Shaytan” è il suo secondo thriller.
Links: https://lucacozziblog.wordpress.com/
https://www.amazon.it/Senza-nome-e-senza-gloria/dp/8898916205
https://www.amazon.it/Lalpino-che-giocava-ai-dadi-ebook/dp/B01B1N0QH6

INTERVISTA:

– Raccontaci dei tuoi libri…
“”L’alpino che giocava ai dadi” è un racconto di umanità sullo sfondo della guerra; ambientato nel gennaio del 1943, nei giorni immediatamente antecedenti all’inizio della famosa ritirata di Russia, è la storia di un’amicizia autentica, profonda, potente, che nasce tra due alpini e che spingerà uno dei due a compiere gesta incredibili. Il grande protagonista è la vita che, nonostante tutto e a modo suo, riuscirà a dire l’ultima parola.
“Senza nome e senza gloria” è un thriller d’azione e di avventura ambientato tra Stati Uniti e Sudamerica: il protagonista viene coinvolto suo malgrado in un caso di spionaggio e da lì inizia una serie di avventure rocambolesche che lo porteranno ad attraversare le Americhe fino in Argentina. Un romanzo che mi ha dato tante soddisfazioni, ha raccolto recensioni molto buone, è arrivato terzo al XVI Festival del Libro Possibile di Polignano a Mare ed è già in seconda ristampa.
“Shaytan” ne è il sequel ed è ambientato tra la Borgogna, il Piemonte, il Medio Oriente e… beh non voglio svelare troppo…”

– Dove trovi l’ispirazione per una storia?
“Dipende. Nel caso de “L’alpino che giocava ai dadi” mi sono ispirato a un aneddoto che mi raccontò un reduce di Russia quand’ero ancora un bambino; mi ha trasmesso un’emozione intensa che è sempre rimasta dentro di me e che, a distanza di quarant’anni, ho voluto ritirare fuori:ne è uscito un racconto breve ma toccante che ha avuto un enorme successo. Per i romanzi della saga di Luke McDowell mi sono ispirato a personaggi e luoghi che ho conosciuto durante i miei numerosi viaggi.”

– Quando hai iniziato a scrivere? Raccontaci la tua storia…
“Ho sempre amato scrivere storie, fin da bambino. E’ rimasto un hobby e una passione latente per molti anni finché un giorno ho deciso di farne la mia professione.”

– Cosa ti ha spinto a scegliere il tuo genere letterario?
“La mia non la definirei una scelta, scrivo ciò che mi sento, ciò che mi appassiona. La storia deve divertire e appassionare me per primo, non riuscirei mai a scrivere un libro “su commissione”.”

– I tuoi generi letterali preferiti…
“Sono molti: thriller, avventura, polizieschi, romanzi storici, saggistica sulla Seconda Guerra Mondiale. Non amo i fantasy e la fantascienza.”

– Quanti libri/ebook leggi in media l’anno?
“Ebook neanche uno, leggere su schermo retroilluminato nuoce alla vista e, dovendo già lavorare parecchie ore al giorno al computer, i libri li scelgo solo ed esclusivamente cartacei. Sono lento a leggere, direi che in media ne “divoro” due o tre al mese.”

– La fantasia influenza i tuoi scritti oppure usi un metodo di scrittura razionale?
“La fantasia è alla base dei miei romanzi, il metodo di scrittura razionale è necessario per esporre i contenuti con chiarezza e senza commettere errori grossolani nelle trame.”

bookoria

Bookoria è un sito/progetto fondato dall’associazione Iside Onlus Messina (promozione arte & cultura).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*