Marco Terramoccia

terramocciaNome scrittore: Marco Terramoccia
Anno di nascita: 12/07/1963
Bio: Scrivo da quando ho imparato a leggere e scrivere. È una passione che è insita dentro di me, come l’amore per il mare, viaggiano di pari passo. Sono un ex comandante di navi e grandi yacht e per venti anni sono stato uno zingaro del mare. Ho avuto sempre sopra la mia testa un tetto di legno  o di vetro resina, ma sicuro ho sempre avuto sotto i miei piedi l’acqua di mare ad accarezzarmi. Ho pubblicato “Ali ai piedi” con Edizioni Il Pavone e visto che ho intenzione di crescere, se possibile vorrei continuare e pubblicare con loro.
Links: https://www.facebook.com/marco.terramoccia
https://plus.google.com/u/0/109700173316475791782/posts

Intervista:

– Raccontaci dei tuoi libri…
“Ho iniziato a pubblicare i miei primi libri con la narrativa per bambini e per ragazzi, che resta tutt’oggi il mio genere d’elezione. Poi col tempo ho scoperto che mi piace scrivere romanzi noir, romance e di vita. Di rado mi cimento in racconti brevi, anche se una volta ho scritto sotto richiesta la sceneggiatura per una rappresentazione teatrale, di genere giallo. Recentemente, quindi, mi sto appassionando anche al giallo poliziesco e al crime. Lo stile di scrittura che adotto è quello del narratore in terza persona, di struttura segmentata. Nonostante la maggior parti dei miei lavori siano romanzi autoconclusivi, mi sono cimentato anche in una saga al momento composta di due volumi. Scrivo e amo scrivere poesie da sempre, toccando in esse tutte le sfaccettature dell’amore. Del resto sono l’ultimi romantici!”

– Dove trovi l’ispirazione per una storia?
“Di solito una storia nuova vine e a trovarmi nei sogno con i suoi personaggi., che si raccontano di sera in sera. Io mi limito il giorno dopo a riscriverlo.”

– Quando hai iniziato a scrivere? Raccontaci la tua storia… 
“Ho iniziato da bambino scrivento sarrontitni sui quadernoni di scuola, che narravano di principi e principesse per le bambine; e di draghi e cavalieri per i bambini come me.”

– Cosa ti ha spinto a scegliere il tuo genere letterario? (What made you choose your literary genre?)
“Non ho un genere letterario specifico, mi considero un eclettico. Anche se non amo particolarmente il fantasy classico e la fanscienza, ad eccezione di pochi autori del genere.”

– I tuoi generi letterali preferiti…
“Indubbiamente storie fantastiche, per adulti e ragazzi, noir, thriller, giallo, crime e romance.”

– Quanti libri/ebook leggi in media l’anno?
“Supero in media la trentina.”

– La fantasia influenza i tuoi scritti oppure usi un metodo di scrittura razionale?
“Nella scrittura posso definirmi un intuitivo, anche se passo buona parte del mio tempo, a inizio storia, nell’idealizazione della trama. Ma per allora i personaggi già ci sono tutti e sono loro, in base alla loro vcaratteriozziazione e personalità a portare avanti la storia.”

bookoria

Bookoria è un sito/progetto fondato dall’associazione Iside Onlus Messina (promozione arte & cultura).