Maurizio Castellani

Nome scrittore: Maurizio Castellani
Anno di nascita: 1959
Bio: Dopo tanti anni passati a leggere decide di mettersi a scrivere.
“La ventiquattrore Delitto in albergo, è il suo primo racconto giallo dove la trama delittuosa si mescola a comicità e ricette di cucina. Recensito dal famoso sociologo F. Alberoni, ha vinto il Primo Premio Nazionale di Narrativa nel 2016 “La città di Murex” e nel luglio del 2017 il primo premio della XIII edizione del concorso “Io scrivo”
A giugno del 2017 ha pubblicato con la casa editrice Carmignani, un breve romanzo giallo, dove il personaggio principale è il Commissario Bertini della Questura di Pisa.  A breve uscirà una altra avventura del Commissario.
Nel frattempo ho terminato un nuovo romanzo giallo ambientato a Dakar. Dovrebbe andare in pubblicazione tra qualche mese.
Links: https://www.facebook.com/www.mauriziocastellani/?ref=bookmarks

INTERVISTA:

– Raccontaci dei tuoi libri…
“Il primo che ho scritto e un romanzo giallo ambientato in un paese della Toscana e riferibile ai giorni nostri. Ed è il primo di una lunga serie … speriamo. E’ uno spaccato di vita sociale dove un geometra, Marco Vincenti, stanco di una burocrazia inventata, eredita da una zia un Albergo e decide di cambiare vita, ritrovando gli amici di un tempo con cui lega subito. La nuova professione, quella di albergatore, è al suo inizio quando, dopo nemmeno cinque giorni, trova morto sul letto, della camera 106 un cliente. L’uomo, che nei giorni antecedenti alla sua morte aveva scambiato con Marco alcune confidenze, girava perennemente con una valigetta ventiquattrore, ma di questa, nella camera non vi è più traccia. Da qui Marco scopre di essere predisposto alla attività investigativa, e insieme ai suoi due amici Piero e Andrea, tra ironia Toscana e una buona cucina, riesce a risolvere il caso. Non mancano le belle donne, e l’aiuto esterno di un Maresciallo dei Carabini!
eri.
Il secondo è sempre un romanzo giallo ma della categoria racconti brevi. Ed é la prima indagine del Commissario Bertini, ne seguiranno altre.”

– Quando hai iniziato a scrivere? Raccontaci la tua storia…
“Tra il gennaio e il giugno del 2015, ma non sapevo che poi lo avrei pubblicato, lo avevo scritto solo ed esclusivamente per me stesso, successivamente, per una serie di circostanze me lo ha letto un giornalista e mi ha spinto a pubblicarlo.”

– Cosa ti ha spinto a scegliere il tuo genere letterario?
“Ho sempre letto gialli, noir, il primo all’età di quattordici anni e quindi…”

– I tuoi generi letterali preferiti…
“Gialli- Noir- ma anche i romanzi storici e di fantasia.”

– Quanti libri/ebook leggi in media l’anno?
“Prima di iniziare a mettermi a scrivere circa 70, ora  credo circa 50.”

– La fantasia influenza i tuoi scritti oppure usi un metodo di scrittura razionale?
“Certo, la fantasia é creatività e sognare a occhi aperti è tutt’altro che inutile, le migliori intuizione nascono quando la mente fantastica. Certo un po’ di razionalità non guasta.”

bookoria

Bookoria è un sito/progetto fondato dall’associazione Iside Onlus Messina (promozione arte & cultura).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*