• La rosa rossa dal lungo stelo

    Densa di commozione e malinconia è la voce di mia nonna quando mi racconta la sua storia, la storia di un amore profondo e vero, che è durato più di cinquant’anni e non si è spento neanche nell’ultimo respiro di lui. Una storia che sa di antico, del pudore di altri tempi, quasi fosse una vicenda rubata da un film ingiallito o da un diario ritrovato chissà dove. Ero nell’età in cui si aspetta, trepidante, di provare la magia dei primi battiti d’amore, la prima volta che me la raccontò e da allora assaporai ogni parola immaginando, sperando, che un giorno qualcosa di simile toccasse anche a me. Era il…

  • “Pecador: Amor y Muerte”: da oggi in libreria il seguito del bestseller crime romance firmato Aura Conte e Connie Furnari

    Da oggi disponibile su Amazon e Kindle Unlimited, il secondo volume della serie Romantic Suspense/Crime Romance “PECADOR” scritta da Aura Conte e Connie Furnari: “Pecador: Amor y Muerte“. “Pecador” è una serie che tratta d’amore, di violenza, di peccato e sangue, con scene di adrenalina pura e passione sfrenata. Ispirata a Romeo+Juliet e Scarface, la serie narra la storia d’amore fra due giovani che dovrebbero odiarsi, ma che il destino fa innamorare fino a sconvolgere le loro vite. Il primo libro della serie è stato nominato bestseller #1 in Thriller/Gialli, #3 in Romance su Amazon Italia e in TOP 5 in tutto lo store. Inoltre, è stato bestseller in TOP10 in UK, USA, Francia…

  • Un bicchiere di scotch

    A un certo punto della vita c’è chi si trova in una foresta buia conscio di aver perso la via giusta, c’è chi invece non se ne accorge nemmeno, non si fa domande o magari la via non riesce più neanche a vederla… Io? Io mi ritrovo in un bar. Sì, un bar. Non è originale, è una cosa già vista, infinitamente meno poetica, ma, si sa, sono figlio dei miei tempi. Ci si deve rassegnare. Osservo il bicchiere che ho in mano e il liquido scuro al suo interno. Non ricordo di aver ordinato niente, ma perché dovrebbe aver un senso l’aver ordinato oppure no, non ricordo neanche di…

  • Cercando… racconti! – Malinconiche Ortensie

    Era giorno. Uno come tanti. Di quelli che ti spingono alla frenetica ricerca di qualcosa, nell’inseguire l’attimo che fugge, nel susseguirsi di ore che non bastano mai per tutti gli impegni che si hanno. Si vive di corsa, è una costante dei tempi moderni.  Così ero in macchina, frustrata e nervosa per la fila che incolonnava me e altri veicoli in un percorso forzato a singhiozzo. Non ricordo con precisione quali commissioni avessi, né cosa ci facessi in quella via non abituale nei miei itinerari, ma ero lì e non mi piaceva. Ricordo che durante il perenne gioco tra frizione e freno, mi guardavo attorno distratta e annoiata. E in…