Vito Ditaranto

ioNome scrittore: Vito Ditaranto
Anno di nascita: 1970
Bio: Vito Ditaranto è nato il 14 maggio del 1970 a Montescaglioso – Matera- attualmente vive a Taranto.
E’ un militare di professione. Ha vissuto in molti paesi del mondo, la città che predilige è San Antonio Texas. Ama scrivere, scrive praticamente da sempre.
Ama immensamente sua figlia Miriam. E’ abbastanza orso da apprezzare una notte da solo in albergo, non abbastanza da godersi veramente un pasto consumato senza compagnia. Fra le cose che più lo irritano al mondo ci sono gli errori di ortografia, la gente che dice “noi” per indicare una squadra di calcio, la frase “È così che va il mondo” e quelli che fanno i provoloni con le sconosciute sui social network.
I suoi autori preferiti sono: Carlos Ruiz Zafon, Dan Brown, Giorgio Faletti, Sergio Bambaren, e Luis Sepulveda.
Links: https://www.amazon.it/Libri-Vito-Ditaranto/s?ie=UTF8&page=1&rh=n%3A411663031%2Cp_27%3AVito%20Ditaranto
https://vitoditaranto.wordpress.com/
https://www.facebook.com/dalcieloallaterra/

INTERVISTA:

– Raccontaci dei tuoi libri…
“Ha iniziato le mie prime pubblicazioni nel 2005 con alcuni libri di poesie: “Pensieri semplici”, “Sulle ali del cuore”, ”Similis simili gaudet”. Poi passato ai romanzi Thriller, il primo lavoro è stato “Sotto l’ombra del sole”(2006), poi rivisto in “Sotto l’ombra del sole reloaded (2008)“. Nel 2009 ha scritto un giallo in più episodi chiamato: “Dalla A alla Z”. Altri lavori ed opere sono: “Sophia”(2010), “La storia di Sophia” (2011), “Pontiac blue” (2012), ”Four” (2013). Nel 2014 e nel 2015 ha scritto due fiabe: “ Miriam twinkle twinkle little star” e “Miriam e la stella”. Il ritorno ai thriller con: “V.I.T.R.I.O.L. (l’artigliatore)”(2015), con “Tales: Racconti (2014/2015)”, “V.I.T.R.I.O.L. (Cailleach), “FLASHBACK” (2016). Sempre nel 2016 ha pubblicato due racconti, “Hazel” in SAMHAIN’S NIGHT (Writers United Italia) e “1944” in FANTANOIR STORIES (Plural Cosmos edizioni). Nella primavera del 2017 dovrebbe uscire un nuovo romanzo con la casa editrice Le Mezzelane. Ha collaborato con il quotidiano IL CORRIERE DEL GIORNO, scrivendo poesie. Collabora con vari siti web tra cui, Pensiero Plurale, Plural Cosmos e Les Fleurs Du Mal, oltre a gestirne uno personale.”

– Dove trovi l’ispirazione per una storia?
“Mi considero un artigiano della letteratura. Lavoro ogni giorno metodicamente, come se andassi in ufficio, perché non credo nell’ispirazione bensì nella volontà, nella motivazione e nella determinazione a costruire  a tavolino storie che affascinino chi legge. Penso molto al libro prima di scriverlo: forse impiego più tempo a costruirlo nel pensiero che a scriverlo”

– Quando hai iniziato a scrivere? Raccontaci la tua storia…
“Ho iniziato a scrivere da bambino. Inizialmente scrivevo poesie e brevi racconti o meglio:”storie”. Osservavo tutto quello che mi accadeva intorno e poi viaggiavo con la fantasia.”

– Cosa ti ha spinto a scegliere il tuo genere letterario?
“Principalmente scrivo thriller e noir, però negli ultimi tempi ho iniziato a scrivere anche fiabe per bambini, principalmente dedicate a mia figlia Miriam.”

– I tuoi generi letterali preferiti…
“Il mio genere letterario preferito è il thriller, ma comunque leggo un po’ di tutto.”

– Quanti libri/ebook leggi in media l’anno?
“Leggo circa cento (100) libri l’anno di cui la maggior parte sono di autori selfie o emergenti, poiché li reputo più veri e poco conformi alle linee guida delle case editrici e a volte si sono rivelati migliori di alcuni autori affermati.”

– La fantasia influenza i tuoi scritti oppure usi un metodo di scrittura razionale?
“Sono per mia natura autodidatta esprimendo tutto quello che il cuore mi detta. Ho sempre avuto una fantasia piuttosto sfrenata, il che ovviamente non è sempre un bene, ma almeno nel campo della scrittura mi è un utile. A volte devo persino tenerla a freno, se non voglio ritrovarmi tra le mani una trama super complicata.”

bookoria

Bookoria è un sito/progetto fondato dall’associazione Iside Onlus Messina (promozione arte & cultura).